Designer di abiti da inaugurazione di Melania Trump Herve Pierre parla fuori – Intervista a Herve Pierre

Quando la First Lady Melania Trump uscì il venerdì sera al primo dei tre Ballo inaugurale al Walter E. Washington Convention Center indossando un abito personalizzato dal noto designer Hervé Pierre, lo shock fu palpabile e diffuso; ma forse nessuno era più sorpreso di Pierre stesso. “Non avevo idea di quando ho fatto il vestito quali sarebbero state le conseguenze”, ha detto BAZAAR.com nella prima intervista che ha accettato dall’inaugurazione.

“Immediatamente il mio telefono è diventato completamente balistico con le richieste di interviste, ho invitato investitori e banchieri a Dubai, la gente ha aperto falsi account Instagram sotto il mio nome e anche Target ha chiamato per dire:” Siamo così eccitati che stai facendo una linea per noi “. Sono tipo, ‘Beh, non avevo idea di averlo fatto.’ “Qualcuno lo ha persino riconosciuto per la strada in D.C. mentre si recava alla National Gallery Sunday. “L’attenzione è qualcosa a cui non sono abituato.”

Immagine

Hervé Pierre ha descritto il processo di collaborazione con la signora Trump come fantasia di un designer
Getty Images

Secondo Pierre, la signora Trump inizialmente si è avvicinata al designer francese (che ha ottenuto la cittadinanza americana ad agosto) per essere la sua stilista, ma nel momento in cui ha posato gli occhi sui suoi schizzi ha proposto di disegnare lui stesso l’abito, con la sua collaborazione. Presto la First Lady ha visto il designer poco conosciuto come un talento speciale che le avrebbe dato l’opportunità di indossare qualcosa che nessun altro aveva.

Pierre ha descritto il processo di collaborazione con la signora Trump come fantasia di un designer. “Conosce la moda: era una modella e ha lavorato in uno studio di design, quindi conosce la costruzione”, ha spiegato. “Quando ho portato i suoi campioni di stoffa, ha immediatamente scelto la seta a sei strati più pesante e più bella d’Italia, conosce i tessuti, è stata una conversazione molto organica perché abbiamo lo stesso vocabolario”.

“Era molto specifica sulla scollatura, su tutte le linee parallele.”

Quando si trattava del concept per l’abito, Melania insisteva sulla sua semplicità ed eleganza. “Era molto specifica sulla scollatura, su tutte le linee parallele”, ha ricordato Pierre, aggiungendo: “Era importante per noi non seguire alcuna ricetta per un ‘abito da First Lady'”. Il designer era determinato ad esprimere attraverso vestire il suo rispetto per lo stile individuale di Mrs. Trump e anche per la maestosità dell’evento. “È presidenziale ora, non è solo un piatto di moda.”

Herve Pierre Carolina Herrera

Hervé Pierre ha lavorato al fianco di Carolina Herrera come direttore creativo del marchio dal 2002 al 2016
Shutterstock

La collaborazione ha inoltre rafforzato l’affinità di Pierre per il lavoro con donne come la signora Trump, che hanno una forte visione per quello che vogliono. “Come un uomo che progetta per una donna, metti nell’abbigliamento i tuoi ideali, ciò che idolii, ma una donna ti rimetterà in carreggiata e dirà: ‘Non riesco a raggiungere la mia forchetta'”. Infatti, durante un montaggio Melania disse a Pierre : “Hervé, ti amo, ma non posso muovere il braccio per tenere il braccio di mio marito quando balliamo”.

Durante un montaggio Melania disse a Pierre: “Hervé, ti amo, ma non posso muovere il braccio per tenere il braccio di mio marito quando balliamo”.

Pierre ha riflettuto sul fatto che la scelta della moda della First Lady quella sera ha costituito il suo annuncio al pubblico globale di ciò che possiamo aspettarci durante il suo mandato alla Casa Bianca. “C’è un’economia del disegno, ed è quello che è lei. I suoi prossimi quattro anni come First Lady saranno, come questo abito, direttamente al punto, forse con un singolo dettaglio misurato”, ha detto, riferendosi al sottile fascia rossa legata intorno alla vita. “Inoltre non volevo fare riferimento al passato, a nessun periodo”, ha aggiunto Pierre. “Credo che sia qualcosa di moderno, che non è stato fatto prima, grazie a Dio. Le linee sono sottili come un taglio di carta, le curve della gonna sono fluide, eppure la forma generale è acuta e intensa. Per me riflette la sua personalità “.

Immagine

Quando è arrivato il concetto di abito, Melania ha insistito sulla sua semplicità ed eleganza, ha rivelato Pierre
Getty Images

Anche per Pierre, il venerdì ha segnato la sua stessa inaugurazione: un’istantanea apparizione sul palcoscenico mondiale da cui era rimasto nascosto nel corso del suo decennale curriculum di cariche creative in alcune delle case più stimate di Francia e Francia. America, da Balmain a Oscar de la Renta a, più recentemente, Carolina Herrera, dove il suo mandato quindicenne come direttore creativo si è concluso lo scorso febbraio. Ha disegnato per molte First Lady sotto queste etichette, ma l’abito bianco di Melania è stato fondamentale perché portava il suo nome da solo. “Quando lavori sotto l’ombra di un marchio affermato, senti di essere protetto”, ha affermato. “Mi sono sentito a mio agio sulla grande barca di Balmain, de la Renta, mi sentivo al sicuro.”

“Non sto facendo politica, sto facendo vestiti, non stiamo improvvisamente intromettendo un grosso problema tra Cina e Russia”.

Chiesto cosa avrebbe detto ai suoi coetanei che hanno notoriamente rifiutato di vestire la signora Trump, come Tom Ford, Philip Lim, Marc Jacobs e Timo Weiland, Pierre ha comunicato attraverso il suo forte accento francese l’essenza dello spirito americano. “Questo è il bello di questo paese: siamo tutti uguali, ma non siamo assolutamente uguali”, ha affermato. “Non sto facendo politica, sto facendo vestiti, non stiamo improvvisamente intromettendo un grosso accordo tra Cina e Russia, se la gente non vuole vestirla, penso che sia triste, ma sono stato onorato. t criticare queste persone – è una loro scelta, e questa è la bellezza della democrazia “.

Herve Pierre

Sembra probabile che questa non sarà la fine della relazione di Hervé Pierre con la Casa Bianca di Trump
Shutterstock

Come i Trump hanno mosso i primi passi come prima famiglia degli Stati Uniti, allora anche il designer ha accettato quella che potrebbe essere la vera sfida della sua carriera. Proprio quello che il futuro assomiglierà da qui deve ancora essere determinato. Ci sono un certo numero di potenziali opportunità che sta esplorando come designer indipendente, e sembra probabile che questa non sarà la fine della sua relazione con la Casa Bianca di Trump. “Ho viaggiato con lei venerdì e lei ha detto:” Ho bisogno di vederti questa settimana, dobbiamo parlare “, ha rivelato Pierre. Ma non sta ancora superando se stesso: come ricordò a se stesso, con una spensierata disinvoltura che avrebbe servito un consigliere della First Lady, “È solo mercoledì.”

Loading...