Dan Stevens parla di ‘Beauty and the Beast’ e ‘Legion’ – Intervista a Dan Stevens ‘La bella e la bestia’

Nel caso non l’avessi notato, la live action di Disney La bella e la bestia remake è il film più grande del mondo, avendo distrutto cinque record di botteghino durante il suo weekend di apertura da solo. Puoi ringraziare Dan Stevens in parte per il grande successo del film; il Downton Abbey l’alum ha assunto senza dubbio il ruolo più impegnativo del film, portando in vita la bestia malintesa e misconosciuta attraverso una tuta e una protesi per la cattura del movimento. E ‘una brutta partenza dal suo ruolo da protagonista nel ruolo del mutante X-Men, David Haller, nella nuova serie di successo di FX Legione, che ha ricevuto l’ordine della seconda stagione la scorsa settimana. “Esplorare regni fantastici è sempre stato un mio sogno, tanto che possa continuare”, afferma Stevens della sua attuale propensione per ruoli non umani. Sotto, l’attore si apre sulla “eccitazione estrema e il terrore mite” di assumere uno dei ruoli più iconici della Disney, creando la voce della Bestia e sviluppando la sua storia passata..

Ammette di essere “terrorizzato” quando è stato scelto per il ruolo.

“Era un misto di eccitazione estrema e terrore mite.E ‘un grande onore ricevere un ruolo iconico come questo.E’ un privilegio.Penso che la più grande responsabilità che ho provato è stata la mia infanzia, davvero, che ha amato questa favola Amava le fiabe in generale e amava il film animato, poi è stato per i miei figli, ho cercato di non pensare a tutti i milioni di altri bambini che avrebbero potuto vederlo, solo il mio e pensando ai modi in cui goditi il ​​libro quando lo leggiamo a loro, e le cose nel film d’animazione che li ha fatti ridere, e cercando di mantenere quelle cose “.

Immagine

Disney

Ci sono stati diversi momenti durante il processo di produzione cinematografica in cui ha chiesto se sarebbe stato in grado di conquistare una Bestia convincente.

“Quella domanda stava andando avanti durante tutta la pre-produzione, stavamo esplorando un paio di modi diversi in cui potevamo [creare la Bestia], quindi stavo esplorando le opzioni protesiche, e la tuta muscolare era stata costruita per la massa e la mole di la Bestia, quindi stavo per esplorare spostandomi con quello. I trampoli venivano modificati quasi ogni giorno, avremmo avuto un incontro in mattinata con un team di ingegneri e coreografi e avremmo provato a modificare queste cose quindi potevo cantare in loro in modo efficace, non era così comodo, ma sicuramente in un modo che non mi avrebbe paralizzato completamente, con l’allenamento della danza, facendo scendere quei gradini, ma poi buttandoli giù nei trampoli .. Ogni giorno mi sono svegliato pensando: “Come faremo a fare questo?” Ho continuato a pensare probabilmente anche durante il processo di post-produzione. Il primo taglio del film, la prima assemblea approssimativa che Bill mi ha mostrato del film – che era stupendo, a proposito – mi aveva ancora nel mio Lycra s uit. Non ci sono stati rendering di CGI a tutti, quindi la performance era lì, ma ho dovuto attingere a risorse indicibili di immaginazione per credere e far diventare la Bestia “.

“Ogni giorno mi sono svegliato pensando: ‘Come lo faremo?'”

Oltre all’apparizione della Bestia, molto poco nel film ha effettivamente utilizzato uno schermo verde, il che ha aiutato Stevens e il resto del cast a creare il mondo di La bella e la bestia credibile.

Quello che [il regista] Bill [Condon] voleva davvero, fin dall’inizio, era per avere un mondo in cui hai queste bestie fantastiche che stiamo creando usando la tecnologia, tutto il resto doveva sentire e sembrare reale. Non c’era molto schermo verde. I costumi e gli oggetti di scena, e il design di produzione di Sarah Greenwood, erano intenzionalmente pratici e meravigliosi. La sala da ballo era a 360 gradi di bellezza. Era vasto, e quella zona del castello, andando dalla terrazza fuori dalla sala da ballo, attraverso la sala da ballo nel corridoio, intorno al caminetto e attraverso la cucina e la sala da pranzo, era tutto un unico set gigante. Erano due imponenti hangar che valevano un set, e ci vollero circa cinque minuti per attraversare da un’estremità all’altra. In quel senso, si sentiva il più reale possibile. Mi addentrerei in questa gigantesca tuta da ginnastica in motion capture grigia e mi sento piuttosto mostruosa. “

La voce di Stevens non è stata modificata per interpretare la Bestia.

“Quella era in realtà la mia voce, immagino che alzi un po ‘il basso, ma no, è stato qualcosa che è uscito da un’esplorazione protesica: mi hanno fatto queste zanne incredibili, così ho potuto andare via e indossarle per un poche ore al giorno e capisco come avrebbe parlato, ho iniziato a guardare come il vilissimo personaggio che vedi all’inizio del film proverebbe a nascondere queste zanne quando è maledetto da questi denti mostruosi. con una specie di bocca rivolta verso il basso, ma può ancora parlare fuori dalla sua bocca e nascondere le zanne.Inoltre, è un uomo molto scontroso.E ‘stato bloccato in questa torre solitaria per dieci anni. cosa di bocca rovesciata che probabilmente ha allungato la laringe, e ho pensato che è interessante, potrei inseguirlo e farlo parlare di più dal fondo della sua bocca, e questo personaggio incredibilmente irritabile e asciutto ha iniziato a emergere. ”

Immagine

Disney

Ha cantato anche lui.

“Ho avuto un incredibile voice coach, prima di tutto, mia moglie, che mi ha allenato per l’audizione, e Ann-Marie Speed, che insegna alla Royal Academy of Music di Londra. Mi ha davvero coinvolto con la muscolatura della voce nello stesso modo in cui stavo coinvolgendo fisicamente il mio corpo per il burattinaio della Bestia, e per ballare e fare tutta la preparazione fisica. [Mi aiutò] a prendere confidenza con la mia voce in un modo nuovo, sia per parlare come Bestia, ma canta anche come la Bestia. ”

Spera che il pubblico riprenda i sottili cambiamenti che distinguono il nuovo film dall’originale.

“Vedi un po ‘di storia del principe, vedi il tipo di feste che teneva in mano prima che fosse maledetto, e raccontasse un po’ della sua storia passata attraverso la danza, questo tipo di speed-waltzing che vediamo all’inizio , dove balla con 60 principesse, non si connette particolarmente a nessuno di loro.

E poi ovviamente hai avuto quella adorabile celebrazione alla fine, l’inverno si è trasformato in primavera – penso che fosse un nuovo verso. Hanno scoperto alcune note di Howard Ashman o alcune note di Howard e Alan [Menken], e hanno scoperto una nuova strofa che non era stata usata nell’originale La bella e la bestia canzone. Ora ho intenzione di sbagliare completamente, ma penso che sia “L’inverno si trasforma in primavera, la carestia si trasforma in festa, la natura indica la via, nulla da dire, bellezza e la bestia”. Questo non è nell’originale. È sempre la stessa melodia, ma immagino che stia raccontando tutta la storia, davvero, che è la stessa melodia, le stesse melodie, ma cantata in un modo leggermente diverso, che rende i classici [le canzoni], che li rendono senza tempo. È anche un verso delizioso. È un bel sentimento uscire “.

Questa intervista è stata modificata e condensata per chiarezza.

Loading...