Keke Palmer è un capo – e lei vuole che tu sia uno anche tu

All’età di 24 anni, Keke Palmer è già apparso in quasi 20 film e una dozzina di altri programmi TV, ha interpretato la prima afroamericana Cenerentola a Broadway, ha scritto una guida ispiratrice, ha lanciato la sua serie di web-comedy e prodotto un film (mezzano, in cui collabora con il rapper DMX) che è attualmente in fase di revisione per Tribeca Film Festival. In altre parole, è un capo in buona fede.

Ma sebbene abbia fatto mosse di potere nel cinema e nella televisione, Palmer sente di non aver fatto altrettanto nella musica. “Nella musica, un sacco di volte, mi sento come se avessi preso il sedile posteriore, e sicuramente era nel sistema quando si tratta di termini di etichette”, dice nella nostra intervista. Dopo aver lavorato con diverse società di registrazione, la stella ora funziona in modo indipendente. “Così ora, non sto permettendo loro di dettare come voglio essere e chi voglio essere.”

Palmer ha pubblicato il suo primo album in studio, Quindi Uncool, nel 2007, un anno prima ha recitato nel suo show Nickelodeon, Vero Jackson, VP. Ha pubblicato mixtape ed EP da allora, ma il suo album formale del secondo anno arriva ufficialmente nel 2018, 11 anni dopo il suo debutto.

Il progetto imminente è tutto su di lei che prende le redini (il suo recente singolo, “Bossy”, è un regalo morto). “Sono davvero entusiasta di non limitarmi ad autorizzare me stesso, ma spero di dare potere ad altri artisti”, dice. “Voglio essere in quella posizione in cui posso aiutare a costruire la loro fiducia e nutrire i loro doni e consentire loro di sentirsi come se fossero a capo della loro carriera musicale, mentre allo stesso tempo, raccogliendo i benefici delle risorse che essi forse non sarebbe in grado di cavarsela da soli. “

Questo è ciò che rende la definizione di “capo” di Keke così unica, che usa la sua influenza per perseguire le sue aspirazioni e restituire agli altri, sia che si tratti di ispirare creativi speranzosi o di aiutare le ragazze svantaggiate attraverso la carità di Saving Our Daughters.

Qui, Palmer si apre a BAZAAR.com della sua nuova musica, dei suoi modelli di ruolo e di come la mantiene reale per i suoi fan.

Il suo nuovo singolo, “Bossy”, presentato per la prima volta in un episodio di Stella, vive all’altezza del suo nome.

“Il nome parla per la cronaca. Tutto dipende dal fatto che io sono un capo e sicuramente in questo momento della mia carriera e in particolare della musica, sto decisamente prendendo quella posizione di capo. Sono indipendente, non sono più con l’etichetta. Quindi sono davvero il principale con la mia squadra, capendo come volevo presentarmi nel mondo della musica questa volta. Mi sto preparando per il mio secondo album. Ho fatto il mio primo album quando avevo 13 anni. Quindi ci sono solo un sacco di cose che stanno andando via e “Bossy” dà sicuramente il via a quello che sarà tutto sul 2018 per me. “

Il messaggio è tempestivo, in quanto le donne si esprimono per maggiore rispetto e parità di retribuzione nell’intrattenimento.

“Non sono una di quelle persone in cui è così, mi sento male per me stesso.Penso anche se le cose sono state difficili per le donne, allo stesso tempo, sono felice di essere una donna e mi sento come se avessimo il L’opportunità è sempre quella di buttare giù le porte perché è quello che abbiamo sempre fatto, quindi non mi sento vittima in questo senso, mi sento incoraggiato e potenziato e sento che è l’occasione per me di fare più storia da donna “.

Ha consigli per le donne che lottano per incanalare il loro capo interiore.

“Non aver paura di scrivere il tuo progetto personale a volte mi fa paura perché non c’è nessuno che debba necessariamente fare ciò che voglio perché è la mia storia, ci sono persone che posso guardare e trarre ispirazione, ma a Alla fine della giornata, non c’è nessuno che abbia un passo in due per quello che voglio fare perché sono io che lo sto creando.

“Quindi non guardarlo e scoraggiarti. Guardalo e prenditi ispirazione e renditi conto che potresti davvero farlo in qualsiasi modo tu voglia, solo il modo migliore in cui puoi pensare di farlo. Infatti, hai l’opportunità di creare la storia, non scoraggiarti perché nessuno l’ha mai fatto prima, non scoraggiarti dal fatto che alle donne è stato detto che non potevano farlo. che puoi essere la prima donna a farlo. La prima ragazza nera, ragazza asiatica, ragazza messicana, qualunque cosa sia, qualsiasi altra cosa ti senti legata o ti fa sentire meno, usali per farti davvero sentire come se tu potessi essere più di questo “prima”. Trasforma il momento storico in realtà. “

Palmer è ispirato alla carriera multi-trattino di Queen Latifah.

“Direi che Queen Latifah è stata sicuramente una persona così nella mia carriera. Tutto ciò di cui sto parlando da lei, non solo essendo rapper, attrice e cantante, ma anche scoprendo gruppi come Outkast, essendo un manager, avendo un team di produzione e incoraggiando persone come me. Ho fatto più di due progetti con Queen Latifah e ho appena fatto l’ultimo, Urlare, con lei per MTV. Quindi la sua portata è fuori da questo mondo e questo mi ispira perché è in ogni settore del settore che potresti immaginare che chiunque vorrebbe essere dentro “.

Immagine

Keke Palmer e Queen Latifah e il VH1 Hip Hop Honors del 2016
Getty Images

Il rapper-turn-mogul ha anche insegnato a Palmer a restituire alla comunità.

“Queen Latifah è il tipo di persona che mi ha chiamato al telefono e ha detto:” Ho un’intera biblioteca in casa mia, se mai vuoi venire a leggere qualche libro, sei il benvenuto “. Vuole offrirmi conoscenza, il denaro non può comprarlo, qualcuno che vuole darti il ​​tempo e desiderare di riversare in te quella roba. Mi sento come se questo costruisse una carriera. È importante restituire e offrire ad altre persone quella capacità di creare quella comunità. “

E il successo di Oprah Winfrey la fa sentire capace di realizzare qualsiasi cosa come una donna di colore.

“Ho appena visto l’altro giorno che Oprah aveva cibi surgelati. Lei è una società. Per vedere davvero qualcuno passare dall’essere un giornalista all’essere un conduttore di talk show, essere un’attrice, produrre film, dirigere, avere la propria rete e poi produrre i propri prodotti alimentari? Questo mi fa sentire di poter essere quello, posso farlo. Soprattutto come una ragazza nera in America. Avere la proprietà sulle cose è qualcosa su cui sto davvero diventando più esperto.

“Se cresci nelle comunità del centro città o nella povertà, a volte non ti viene detto che la proprietà è importante. A volte ti viene detto solo di essere parte di qualcosa e solo lavorare per qualcuno è abbastanza buono. O semplicemente provare a salire la scala di qualcun altro è abbastanza buono, quando ti rendi conto che puoi davvero avere l’opportunità di creare qualcosa di tuo e di fare ciò che vuoi che sia. Sta rafforzando, sai, mi fa sentire un capo. “

“A volte ti viene detto che solo far parte di qualcosa è abbastanza buono.”

L’album di Palmer, che segue il suo EP del 2016 Lauren, è “praticamente finito” e dovrebbe uscire quest’anno.

“Con ‘Lauren’, si trattava soprattutto di spogliarsi e di dare alle persone l’opportunità di vedere veramente chi sono io come persona.Talmente, R & B era, ovviamente, sempre qualcosa che adoro.Vengo da Chicago. R Kelly, quel tipo di influenze sono ciò su cui sono cresciuto. Quindi, per me, sarà sempre quello che ti puoi aspettare dal punto di vista sonoro, ma quello che puoi aspettarti dal tema è molto di quello che stai per ottenere da ” Prepotente.’

“Alla fine della giornata, è tutto su di me in piedi in quella posizione di potere e possedere me stesso”

“Ora, naturalmente, avrai argomenti diversi come amore, affari e indipendenza. Ma alla fine, tutto dipende da me che sono in quella posizione di potere e che possiedo me stesso, se sono triste o se sono felice, avendo la proprietà e la fiducia di accettare quel posto che io ‘ m in, e solo essere una donna su di esso. Non essere un uomo al riguardo, ma essere una donna al riguardo, e poi anche divertirsi con esso. Sai, sono una persona molto divertente. Sono il tipo di persona che può parlare di qualcosa di pazzesco e drammatico, ma lo renderò comunque divertente e leggero. Perché sento che è davvero quello che riguarda la vita, quindi otterrai sempre quell’equilibrio. “

Aspettatevi un sacco di jam ottimistici dal progetto.

“Anche se si tratta di una canzone lenta, sarà qualcosa a cui puoi scommettere. Voglio davvero essere in grado di avere un album in cui le persone possano cavalcare e le ragazze possono davvero solo vibrare con essa e divertirsi davvero ed essere semplicemente in macchina come, “Sì, ragazza!” Quindi sarà comunque qualcosa di divertente, anche se sto parlando di qualcosa di profondo. Otterrai più up-tempos di quanto non otterrete record lenti. “

Palmer non ha paura di mostrare il suo lato glam (“I’m always about give looks.”) E il lato non filtrato sui social media per far sapere ai suoi fan che sono proprio come lei.

“Sicuramente mi piace mostrare al mio pubblico chi sono perché sono il tipo di persona che si sente come se ti stavo facendo un disservizio se non ti davo una sbirciatina dietro le quinte. Intrattenere, il che significa glamour, che significa moda, che significa look.Questo significa foto.Questo significa tutta la perfezione che puoi ottenere, giusto? Ma allo stesso tempo, Keke Palmer è un po ‘diverso. Voglio che tu sappia che cosa Sto facendo è qualcosa che è possibile che tu faccia, perché oltre a essere il talento, sono anche l’impero, sono la donna che ti vuole permettere di sapere che puoi farlo anche tu. quindi quando mostro i miei fan, io senza trucco, tutto quel tipo di roba, è per potenziarli e far loro sapere di ricordare loro, sono proprio come te. Non lo sto facendo per mettermi su un piedistallo più alto di te.”

Partendo da bambino, l’attore ha insegnato a Palmer come bilanciare la fama con la sua vita privata.

“Ho attraversato così tante fasi, penso che quando ho iniziato a lavorare nel settore non avevo idea di cosa fosse la fama, si trattava solo di recitare e fare qualsiasi tipo di esibizione che potevo fare, non conoscevo tutti gli effetti collaterali – perché la fama è onestamente un effetto collaterale secondo me – che è venuto con quel tipo di carriera: ho raggiunto un punto in cui [sono andato] dal fare solo questo, per sperimentare la fama e capire che cosa è stata una celebrità nella mia carriera e come usarlo a mio vantaggio senza permetterlo di schiacciarmi. Sono davanti ai riflettori davanti alla telecamera e questo è necessario per certi momenti della mia vita, ma voglio anche avere la privacy. avere quell’equilibrio, cosa significa avere la mia carriera come stile di vita e cosa significa avere uno stile di vita separato dalla mia carriera “.

Immagine

Palmer nel 2007, accettando il NAACP Image Award per la migliore attrice in un film per Akeelah e l’ape.
Getty Images

Non ha rimpianti per il suo inizio precoce.

“Sono un forte sostenitore di tutto ciò che accade quando è inteso a, nel senso che arrivi a qualunque credenza tu sia, nel momento in cui sei arrivato a questo, quindi non dico che mi pento. Sono contento di sapere quello che so adesso e sono felice di aver attraversato quello che ho passato perché se non avessi mai sperimentato quella roba, allora probabilmente non saprei cosa so adesso. Il modo in cui mi sento adesso è tutta un’esperienza di apprendimento e ho una carriera molto interessante, mi ha portato molta felicità e gioia tanto quanto mi ha portato confusione e tumulto “.

Loading...